Enable Javascript, please!

Alfredo Jaar - Le ceneri di Pasolini


Alfredo Jaar - Le Ceneri di Pasolini.mp3
   ASCOLTA SCARICA INVIA


09 GIUGNO 2009
English version below

>>Intervista in inglese
Interview in English<<



Come in altri lavori selezionati da Jota Castro per il Padiglione dell'Urgenza - basti citare il discusso Autosabotage di Tania Bruguera - anche ne Le ceneri di Pasolini - il video inedito che Alfredo Jaar ha presentato a Venezia - etica ed estetica coincidono.

Lavori politici quelli di The fear society, esempi di un'arte critica che esplorano le dinamiche sociali della paura, che investigano le strategie di potere, che pensano e attivamente contribuiscono alla costruzione di scenari diversi di sviluppo.

Il video di Jaar rende omaggio a Pier Paolo Pasolini, poeta, giornalista e regista italiano assassinato nel 1975. Un intellettuale completo, di sinistra, come poi mai ce ne sono stati, coinvolto nella vita politica e culturale italiana del dopo guerra, una voce libera, che corse i suoi rischi e per la quale - dice Jaar - è stato ucciso; "come sapete, non è ancora chiaro chi lo abbia ucciso ma secondo me è abbastanza chiaro il perché e la ragione è stat la paura. Paura della sua voce, del suo stile di vita, delle sue idee, della sua opinione e del suo intelletto".

Con Le ceneri di Pasolini - titolo che riecheggia Le ceneri di Gramsci scritto dallo stesso poeta in occasione della morte del politico italiano - Jaar rende omaggio a una voce che non è stata rimpiazzata da nessuno in quanto a coraggio e tenace volontà di testimonianza.

Con Alfredo Jaar abbiamo parlato di questo, di paura, del lascito pasoliniano, di responsabilità individuali e collettive, di necessarie utopie.


La musica che accompagna l'intervista è Tension is rising e Time to move and motivate dalla compilation All's fair in love for wax, scaricabile da www.phlow-magazine.com

---


As for many works selected by Jota Castro for the Pabellon de la Urgencia – one among the others, Autosabotage, the controversial Tania Bruguera’s performance – also in Le ceneri di Pasolini by Alfredo Jaar, there’s a tight correlation between ethics and aestetichs.

The exhibition, called The fear society, focuses attention on today social and political dynamics of fear and through very critical works invites to reflect on new possible ways to construct the reality, on our own responsabilities in taking a position.

Le ceneri di Pasolini/The ashes of Pasolini is an homage to one of the most extraordinary Italian intellectual, killed mysteriously in 1975. He was a poet, a journalist, a director, fully and deepely involved into the political and cultural debate. A complete intellectual whose free voice is today missed, a fearless man who took his risks, broke the rules and died because of fear. Alfredo Jaar says ” It is unclear who killed him but for me it always been clear why: it was because of fear. Fear of his voice, fear of his life style, fear of his ideas…”

We have questioned Jaar about fear, about Pasolini’s legacy, about individual and social responsabilities, about utopia, hopes and future.


The songs that come with the interview is:

Tension is rising and Time to move and motivate from the compilation All's fair in love for wax, downloadable at www.phlow-magazine.com




Questa opera è prodotta da Radio Papesse, un progetto di Ilaria Gadenz, Carola Haupt e Cristiano Magi

Creative Commons License




Chi siamo Links Podcast Shop Shop - Musica Shop - Gadget Aiuto - Ascolta Recensioni Paesaggi sonori Audioguide Lezioni d'arte Tra Art News Vernici Interviste Spot Speciali Suoni d'artista Documentari Reading Recensioni: dischi Recensioni: dischi Recensioni: eventi Recensioni: libri